Yellow Submarine, Palazzo Bottigella Gandini, Pavia


Scenografie ormai al macero, accatastate su un soppalco fatto di piccole cavità, cumoli di segatura  lungo la pavimentazione in parquet, chiodi  e ancora chiodi sulle lunghe assi. 
Una piccola abitazione  gialla e accessoriata, per molto tempo inghiottita nei meandri del palazzo emerge dall’auditorium della scuolina;




una botola nasconde dei gradini che sprofondano verso un piccolo centro operativo dotato di vecchio periscopio e consolle per la modulazione del suono nello spazio. Il luogo nasconde immagini  proprie  di altre residenze, i percorsi distribuiti  lungo l'asse orizzontale  invitano il bipede a prendere delle  pause su sedute create oltreoceano, in villeggiatura  ormai da anni a Pavia.


Le ombre si intagliano fra le assi della torretta, forse nasconde un’officina di suoni dolci  e crudeli?  Delle figure reali o riprodotte  interferiscono con lo spazio in un susseguirsi di echi.


                                                                                                                                                                                                   Come dei pericolosi  gioielli che invadono per un momento i luoghi del dialogo mentre indisturbata una ragazza si esercita in vocalizzi sotto l’influsso dei ricordi di un vecchio sottomarino. Nel caldo sottosuolo suore felliniane liberano candide voci di bambini nel  tentativo di far sprofondare la festa.  


Nessun commento:

Posta un commento